Lessona: non dimenticare i grandi

Lessona: non dimenticare i grandi

(fotografia © Samuel Cogliati) La finezza e la profondità: il 2004 di De Marchi ha vera classe  di Samuel Cogliati maggio 2016 Questo mese di maggio piovoso e freddo (a proposito: abbiamo finito di stupirci?!) serba, almeno per me, grandi regali. Tra questi, una temperatura che continua a consentirmi di degustare e godere del vino in santa pace, mentre con la mente corro già a quegli infausti mesi afosi durante i quali non riesco a toccare neanche…

Read More

Champagne e diserbanti: verso un divieto assoluto?

Champagne e diserbanti: verso un divieto assoluto?

(diserbo violento in Champagne – foto Samuel Cogliati) I produttori bio chiedono che gli erbicidi siano vietati dal 2017: lo scossone che ci voleva?  di Samuel Cogliati marzo 2016 Il numero, il 17, non è di quelli che, sulla carta, portano fortuna. E agli occhi di numerosi viticoltori la scadenza appare senz’altro molto, troppo ravvicinata. Ma tant’è: durante l’ultima assemblea plenaria (8 marzo) del sindacato di categoria, il Syndicat Général des Vignerons, l’Association des Champagnes Biologiques…

Read More

Château des Tours: il riscatto individuale per un riscatto collettivo

Château des Tours: il riscatto individuale per un riscatto collettivo

(foto © Samuel Cogliati) Il côtes-du-rhône è un “vinello”? Io lo difendo da sempre; la bottiglia di Emmanuel Reynaud è un risarcimento morale.  di Samuel Cogliati febbraio 2016 Emmanuel Reynaud non ha la reputazione di un vignaiolo particolarmente espansivo né gioviale. Contestualmente, i suoi vini sono avvolti da un vago alone di mistero. Le notizie fornite sulla viticoltura e sulla vinificazione sono scarse e frammentarie. Molto più apertamente nota è la fama del côtes-du-rhône come…

Read More

Pinot nero in Italia? Ecco una declinazione convincente

Pinot nero in Italia? Ecco una declinazione convincente

(foto Samuel Cogliati) “La Valletta” di Michele Loda: persuasivo senza fronzoli di Samuel Cogliati gennaio 2016 Tre cose che non sono certo novità: 1) produrre pinot nero fuori dalle sue rare aree d’elezione non è un’impresa facile; 2) non sono un sostenitore dell’esportazione dei vitigni; 3) a maggiore ragione, non parteggio per l’impianto del pinot fuori dalla madrepatria. Di conseguenza, ammetto di dover compiere uno sforzo per liberarmi il più possibile dai pregiudizi e dalle esperienze pregresse,…

Read More

Tomero Vistalba: ¿Argentina ganará el Mundial?

Tomero Vistalba: ¿Argentina ganará el Mundial?

(foto di Samuel Cogliati)   Mendoza cabernet sauvignon 2011 I bordolesi hanno motivo di preoccuparsi?  di Samuel Cogliati dicembre 2015 Non so nulla di vini argentini. Sarà la quinta o sesta volta che ne assaggio uno. E a dirla tutta, mi sono avvicinato a questa bottiglia con un po’ di reticenza e di pregiudizio, ovviamente negativo. La bottiglia non dev’essere di quelle memorabili né proposte a un prezzo proibitivo; forse di moderata ambizione. Peraltro è…

Read More

Sauternes e Pauillac tra passato e futuro

Sauternes e Pauillac tra passato e futuro

(Château Pichon Baron – foto Samuel Cogliati) Suduiraut e Pichon Baron alla prova dei fatti. Un equilibrio logico che convince. di Samuel Cogliati novembre 2015 Bordeaux è da sempre (con)divisa tra ricerca della modernità enologica (e non solo) e tutela di un’idea, se non di tradizione, di una stabilità che potremmo chiamare classicismo. La prima è perfettamente in linea con le vicende commerciali, economiche, internazionali e finanziarie del più esteso vigneto di Francia. Slanci innovativi…

Read More

Champagne Boulard: il vino oltre la liqueur

Champagne Boulard: il vino oltre la liqueur

(foto Samuel Cogliati) Il mailly di Raymond Boulard “base” 2005 alla prova vincente del tempo di Samuel Cogliati settembre 2015 Per molti – molte grandi maison, ad esempio – 6 grammi/litro di liqueur d’expédition sono una misura piuttosto temeraria. L’obiettivo è l’espressione più diretta della materia prima su cui è costruito lo champagne. Per altri questa stessa dose è al contrario eccessiva, e già tende a mascherare l’identità espressiva dell’uva. Il punto è che la questione è…

Read More

Camillo Donati: la disfida del lambrusco

Camillo Donati: la disfida del lambrusco

(foto Samuel Cogliati) I 2009 e 2010 di Arola: vini probanti di Samuel Cogliati Settembre 2015 Se dopo tutti questi anni di eloquenti degustazioni, e soprattutto di goderecce bevute, ve ne fosse stato ancora bisogno, due annate del lambrusco emiliano di Camillo Donati, gustate a distanza ravvicinata l’una dall’altra, hanno portato una lampante dimostrazione della capacità di questa cultivar di invecchiare con profitto. La qual cosa – vale la pena in questo specifico frangente ricordarlo –…

Read More

Casa Caterina: quel rosé di meunié un po’ osé

Casa Caterina: quel rosé di meunié un po’ osé

(fotografia © Samuel Cogliati) Rosé Antiqué: in Franciacorta un audace metodo classico fuori dal coro. Ed è quasi buona la prima. di Samuel Cogliati giugno 2013 Se Aurelio Del Bono intendeva scegliere un percorso complicato, non ha sbagliato. Al di là dei luoghi comuni e delle mode – più che mai in agguato, in un mondo che per vendere deve stupire ogni giorno – il pinot meunier è e resta un vitigno difficile. Difficile da…

Read More

Il Piemonte Alto ~ Boca Conti in verticale

Il Piemonte Alto ~ Boca Conti in verticale

(foto www.castelloconti.it) Venti annate di boca Conti in degustazione. Quanto basta per rimettere le idee al giusto posto. di Samuel Cogliati ottobre 2013 Boca è una denominazione d’origine paradossalmente ambivalente: c’è e non c’è. Esiste perché è manifestamente un luogo in cui radicamento ampelografico e identità geologica si fondo in un connubio reale e assodato, adatto alla produzione di grandi vini dalla tipicità pronunciata. Non esiste invece quantitativamente, perché qui la vite alligna su una…

Read More
1 2 3 4 5