Scelte basiche

Scelte basiche

di Samuel Cogliati febbraio 2022 Giovedì 10 febbraio 2022, eccezionalmente al supermercato.Tra i banchi di frutta e verdura: zucchine (bio, eh!), fragole, pomodori (DOP, eh!), melone giallo brasiliano. Quasi tutto rigorosamente impacchettato in chili e chili di plastica. A quanto pare non siamo abbastanza intelligenti per capire quali siano le scelte di base, semplici, banali, ovvie, per almeno tentare di correggere la catastrofe nella quale ci siamo infilati. Inizio a chiedermi se certe cose non…

Continua a leggere

Una piazza a Marco De Bartoli, a Marsala

Una piazza a Marco De Bartoli, a Marsala

(fotografia d’archivio – CC Trolvag) di Giorgio Fogliani  20 dicembre 2021 La toponomastica è in genere conservatrice, a volte per semplice inerzia, altre in modo deliberato: mi capita spesso di pensare a quanto poco sappiamo delle persone a cui sono intitolate le nostre strade e le nostre piazze, oppure a quanto siamo distanti da loro, non solo temporalmente. A volte leggere certi nomi sulle targhe mi crea persino dell’imbarazzo, o dell’indignazione. Non succede così spesso…

Continua a leggere

Presidenziali francesi: rien ne va (plus)

Presidenziali francesi: rien ne va (plus)

di Samuel Cogliati 17 dicembre 2021 Il 10 e il 24 aprile 2022 la Francia eleggerà il/la suo/a prossimo/a presidente/ssa della Repubblica. Lo farà nel mezzo del proprio semestre di presidenza di turno dell’Unione europea. La campagna elettorale è ormai entrata nel vivo, ma la situazione è quanto mai incerta, fluida e imprevedibile. Un presidente in carica in testa nei sondaggi e che ovviamente si ricandiderà, ma che temporeggia nel farlo ufficialmente per beneficiare della visibilità…

Continua a leggere

Jean-François Ganevat e il prezzo etico

Jean-François Ganevat e il prezzo etico

Il celebre vignaiolo dello Jura cede l’azienda e rivendica il prezzo di vendita di Samuel Cogliati   25 ottobre 2021   Jean-François Ganevat ha venduto il proprio domaine, di cui resterà consulente. La notizia non è più un’indiscrezione in anteprima ma una conferma ufficiale. Uno dei più iconici vignerons dello Jura, i cui vini sono ormai da tempo assurti nell’olimpo della qualità d’Oltralpe (e purtroppo della rarità e della speculazione finanziaria) ha dichiarato alla Revue…

Continua a leggere

Bovesia: minoranze viticole

Bovesia: minoranze viticole

(fotografia © Giorgio Fogliani) La lingua (quasi) salvata, il vino chissà. di Giorgio Fogliani La Bovesia è un’area di un pugno di comuni all’estremo sud dell’Aspromonte reggino; prende il nome da Bova, un paesino delizioso inerpicato a 900 metri. Ospita una minoranza linguistica ellenofona: fino a due generazioni fa nei paesi di Bova, Condofuri, Gallicianò, Roccaforte del Greco, Pentidattilo e alcuni altri la lingua principale era una varietà di greco, conservatasi miracolosamente nei secoli, complice…

Continua a leggere

Il vigneto Champagne verso la ri(n)voluzione?

Il vigneto Champagne verso la ri(n)voluzione?

(fotografia Christelle Prieur – l’immagine ha il solo scopo di un’illustrazione generica della regione, ma non si riferisce specificamente ai temi trattati nell’articolo) Tra entusiasmi e allarmi sta per cambiare il disciplinare di produzione di Samuel Cogliati 11 agosto 2021 Lo scorso 29 luglio il Syndicat général des vignerons de la Champagne (Sgv) ha votato con un’ampia maggioranza (34 voti su 50) a favore dell’introduzione di quattro modifiche del disciplinare di produzione (cahier des charges) della…

Continua a leggere

Il bizzarro 2021 della Champagne

Il bizzarro 2021 della Champagne

(Vladimir Putin nel 2014 – dettaglio fotografia CC Casa Rosada Argentina) Fronte orientale, boom di esportazioni e peronospora di Samuel Cogliati 26 luglio 2021 Dopo un 2020 da psicodramma la Champagne sta vivendo un’altra annata “singolare”.  Iniziamo dall’economia, di cui emergono dati interessanti. Se l’anno scorso si configurava come una calamità in termini di vendite, previste a –30% rispetto alla media, l’anno si è chiuso in realtà con una limitazione dei danni: “solo” –18%, con 244…

Continua a leggere

Tre birre, una sigaretta, un preservativo

Tre birre, una sigaretta, un preservativo

(L’immagine ha il solo scopo di presentare il prodotto) di Samuel Cogliati giugno 2021 A passeggio nei boschi di una ridente località montana varesina, in un territorio rappresentativo dell’emblematica efficienza lombarda. Dopo essermi imbattuto nell’identico degrado forestale constatato sei mesi prima (alberi abbattuti dal vento mai rimossi né mai smembrati, sottobosco fuori controllo, sentieri in avanzato dissesto, rifiuti di vario tipo…), giungo in un gradevole punto panoramico succintamente attrezzato. Un paio di panchine e una…

Continua a leggere

Un coccodrillo per un cammello (dentro una grondaia) – Parte prima

Un coccodrillo per un cammello (dentro una grondaia) – Parte prima

di Igor Vazzaz Si può dire che, circa vent’anni or sono con la dipartita di Giorgio Gaber seguìta a quella di Fabrizio De André, nell’immaginario relativo alla musica italiana si sia venuta a creare la categoria dei furono cantautori assurti a postumi fenomeni editoriali: sul Gaberscik e il genovese trapiantato in Sardegna vennero infatti imbastite successive operazioni tra il discutibile e l’inopportuno, dischi pubblicati a cadenza regolarissima specialmente sotto Natale, con festival e fondazioni a far girare…

Continua a leggere

Un coccodrillo per un cammello (dentro una grondaia) – Parte seconda

Un coccodrillo per un cammello (dentro una grondaia) – Parte seconda

di Igor Vazzaz [< segue] Battiato è stato tutto, e il suo contrario. Anche per questo è difficile darne definizioni che possano soddisfare qualsivoglia sguardo. Anzi, a ben vedere, persino il volerlo incasellare nella categoria cantautorale, che certo non può essergli estranea, suona quasi come una reductio, giacché l’approdo alla canzone più precipuamente d’autore, abbandonando le sperimentazioni elettroniche e minimalistiche dei suoi primi anni Settanta, è giunto con un certo ritardo rispetto agli altri grandi…

Continua a leggere
1 2 3 4 17